Statuto


Art. 1 - E' costituita l'Associazione EX ALUNNI del Collegio Emiliani di Genova Nervi, sotto la protezione del Santo Educatore della gioventù, S. Girolamo Emiliani. Sono invitati ad aderirvi tutti i giovani che abbiano frequentato il Convitto o le Scuole annesse-ed anche gli Insegnanti.

Art. 2 - L'associazione ha lo scopo di mantenere in vita i legami di amicizia che nella giovinezza sono stati stretti fra Superiori ed alunni. Ha pure di mira di continuare l'opera di formazione spirituale e intellettuale dell'Istituto con attività integranti l'educazione scolastica ed universitaria e di suscitare nei soci lo spirito associativo. In seno all'associazione potranno quindi sorgere tutte quelle iniziative che meglio rispondono al raggiungimento dei suoi fini.

Art. 3 - E' impegno morale degli iscritti favorire una corrente di simpatia verso l'Istituto ed adoperarsi per la sua migliore affermazione.

Art. 4 - I Soci, ordinari e sostenitori, versano una quota annua d'iscrizione, la cui entità è stabilita dal Consiglio direttivo.

Art. 5 - Le quote sociali e le oblazioni volontarie formeranno il fondo-cassa, che sarà utilizzato per le spese ordinarie e per le opere di beneficenza, preferibilmente a vantaggio di alunni, con borse di studio, e di ex-alunni ritenuti meritevoli dal Consiglio direttivo, su proposta del P. Rettore.

Art. 6 - L'assemblea annuale dei Soci elegge il Consiglio direttivo, composto di nove membri. A sua volta il Consiglio provvede a scegliere, tra i suoi membri, il Presidente, il Vice-Presidente, il Segretario e il Cassiere. Il P. Rettore del Collegio è Presidente onorario. Lo stesso o altro Padre, da lui designato, fungerà da Assistente ecclesiastico.

Art. 7 - II Consiglio durerà in carica tre anni e i suoi componenti sono rieleggibili. L'elezione avviene per maggioranza semplice dei voti di coloro che in qualunque numero convengono all'assemblea.

Art. 8 - I Soci si aduneranno in Assemblea generale almeno una volta all'anno in data stabilita dal Consiglio. Il Consiglio direttivo, convocato dal Presidente, si riunirà tutte le volte che sarà ritenuto opportuno.


(Approvato nell'Assemblea del 1982)